Wiel Kusters: il mito della miniera

Una breve introduzione al lavoro di Herman Van Der Heide, che al convegno del 26 e 27 Aprile si concentrerà sulla poesia di Wiel Kusters e al suo legame col mondo della miniera.

Quando Wiel Kusters, poeta limburghese e figlio e nipote di minatori, comincia a scrivere, la miniera nel Limburgo olandese appartiene già al passato. Gli tocca allora recuperare una storia. Gli appunti del poeta si rivolgono a una sfera separata distaccata dal presente: la sua miniera è un museo, il suo territorio il Limburgo di prima. Museo non designa qui un luogo o uno spazio fisico determinato, ma la dimensione separata in cui si trasferisce ciò che un tempo era sentito come vero e decisivo, ora non più. Tramite la memoria e il sogno, il poeta si rimette in contatto con il passato che esiste solo come narrazione e quindi minaccia continuamente di riprodursi come una mancanza.
La famiglia, il territorio e la miniera riempiono le sue poesie da sempre. Vi si avverte una certa nostalgia per un’autenticità andata perduta.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...